Le compagnie petrolifere nazionali sono in ritardo rispetto ai loro omologhi negli indicatori ambientali e di governance

Rischio ESG 28 settembre 2023 Elena Armas, Sofía Antoniazzi

Gli investitori devono andare oltre le opinioni aggregate sulle performance ESG per comprendere i rischi sottostanti

Le compagnie petrolifere nazionali (NOC) sono i principali attori del settore petrolifero e del gas, responsabili della produzione di oltre il 50% del petrolio e del gas mondiale. oltre il 50% del petrolio e del gas mondiale. e possiedono la maggior parte delle maggioranza delle riserve. Mentre il mondo si sforza di raggiungere gli obiettivi dell'Accordo di Parigi e i fattori di rischio ambientale, sociale e di governance (ESG) sono sempre più considerati dalle istituzioni finanziarie, il settore petrolifero e del gas è uno dei comparti con la più alta probabilità di subire un impatto ESG. con la più alta probabilità di subire impatti finanziari legati all'ESG.. Per gli investitori che stanno pensando di investire nelle NOC, in particolare in quelle con ambizioni Net Zero o più genericamente ESG, è fondamentale valutare accuratamente la performance di queste aziende rispetto ai criteri ESG.

A recente studio degli accademici della Columbia University ha confrontato le valutazioni ESG delle NOC con quelle delle compagnie petrolifere internazionali (IOC) per offrire una migliore comprensione dei fattori che determinano la performance ESG delle NOC. La ricerca ha rivelato che le NOC hanno prestazioni significativamente inferiori alle IOC nella dimensione della governance, essendo questa un'area chiave per garantire una gestione efficiente dei rischi ESG e la mitigazione delle pressioni contro gli sforzi di miglioramento ESG. In particolare, lo studio sostiene che l'utilizzo di indicatori di rating ESG standard di alto livello per valutare i fattori di rischio ESG delle NOC può essere insufficiente, soprattutto nella dimensione della governance, in quanto è necessaria un'analisi più approfondita.

Noi di Clarity AI intendiamo contribuire a questa ricerca sfruttando il nostro ampio database di dati proprietari che coprono +100 indicatori, comprese le informazioni quantitative, qualitative e sulle controversie. Il nostro obiettivo è approfondire l'analisi comparativa delle performance ESG di NOC e IOC, utilizzando i nostri dati. I nostri risultati sono complessivamente in linea con le conclusioni dello studio sulla sottoperformance delle NOC nella dimensione della governance. Tuttavia, i nostri dati mostrano anche che le NOC ottengono risultati peggiori nelle aree ambientali rilevanti per il settore petrolifero e del gas¹, tra cui l'intensità delle emissioni di CO2 e il consumo di energia e acqua. Nella dimensione sociale, le disparità tra le NOC e le IOC sono meno evidenti, tranne che per gli indicatori di diversità di genere, dove le NOC sono generalmente in ritardo.

Risultati principali

Clarity AI I punteggi ESG mostrano una performance complessivamente migliore dei COI, con un punteggio mediano ponderato del 20% superiore a quello dei CON. Tuttavia, è importante notare che la maggior parte delle NOC ha sede nei mercati emergenti (EM), mentre la maggior parte delle IOC ha sede nelle economie avanzate (AE)².. Nelle AE la presenza di normative e requisiti ESG è in genere più forte, così come il controllo del mercato su questi temi. Questo fattore può essere una delle ragioni alla base della performance relativamente più bassa dei NOC, dato che La nostra analisi rivela una differenza statisticamente significativa tra le società in base alla loro ubicazione, con quelle con sede nelle AE che mostrano performance più elevate rispetto a quelle con sede nelle EM.. Questo argomento merita un ulteriore approfondimento nelle analisi future.

Nota: punteggi mediani di Clarity AI ESG Risk ponderati per il fatturato, sottoposti a trattamento per mitigare l'impatto dei valori anomali. Dati mostrati per 15 NOC e 27 IOC, considerando le organizzazioni coinvolte in attività a monte e/o a valle. Dati aggiornati a settembre 2023. Fonte: Clarity AI

Prestazioni ambientali

Per quanto riguarda la dimensione ambientale, i nostri risultati mostrano che i NOC presentano una maggiore intensità di carbonio, consumano più energia e acqua per le loro operazioni e ne riciclano meno:

  • La mediana dell'intensità delle emissioni degli ambiti 1 e 2 è inferiore del 36% per i COI rispetto ai NOC.. Per quanto riguarda l'intensità delle emissioni dell'Ambito 3, la mediana dei COI è inferiore dell'8% rispetto a quella dei NOC. Ciò può essere in parte attribuito al fatto che i CIO hanno in genere politiche e obiettivi più consolidati in materia di carbonio, dato che:
    • Il 78% dei CIO inclusi nello studio ha un obiettivo di riduzione delle emissioni di gas serra, contro il 69% dei CNO.
    • Il 100% dei CIO inclusi nello studio ha una politica di riduzione delle emissioni di gas serra, contro il 94% dei CNO.

Nota: Intensità mediana delle emissioni di CO2 Scope 1 e Scope 2 misurata come tonnellate di CO2e divisa per le entrate in milioni di dollari e ponderata per le entrate, sottoposta a trattamento per mitigare l'impatto dei valori anomali. Dati relativi a 15 NOC e 27 IOC, considerando le organizzazioni coinvolte in attività a monte e/o a valle. Analisi effettuata sui dati riportati dal 2019 al 2022. Fonte: Clarity AI

  • L'intensità mediana del consumo energetico dei CIO è inferiore del 17% rispetto a quella dei CNO:

Nota: Intensità mediana del consumo energetico misurata come GJ diviso per le entrate in milioni di dollari e ponderata per le entrate, sottoposta a trattamento per attenuare l'impatto dei valori anomali. Dati mostrati per 15 NOC e 27 IOC, considerando le organizzazioni coinvolte in attività a monte e/o a valle. L'analisi è stata condotta sui dati riportati dal 2019 al 2022. Fonte: Clarity AI

  • In termini di intensità del consumo di acquaI CIO consumano il 28% di acqua in meno rispetto ai CNO e il loro rapporto di riciclaggio dell'acqua è più di 3 volte superiore a quello dei CNO. Ciò può essere in parte attribuito alla mancanza di politiche e obiettivi stabiliti relativi al consumo di acqua, dato che:
    • Il 100% dei CIO inclusi nello studio dispone di una politica di efficienza idrica, contro l'81% dei CNO
    • Il 19% dei CIO inclusi nello studio ha un obiettivo di efficienza idrica, mentre solo il 13% dei CNO ha un obiettivo di efficienza idrica.

Nota: Intensità mediana del consumo idrico misurata come m3 diviso per le entrate in milioni di dollari e ponderata per le entrate, sottoposta a trattamento per attenuare l'impatto dei valori anomali. Dati mostrati per 15 NOC e 27 IOC, considerando le organizzazioni coinvolte in attività a monte e/o a valle. Analisi effettuata sui dati riportati dal 2019 al 2022. Fonte: Clarity AI

I risultati sono contrastanti per quanto riguarda una dimensione ambientale: la gestione dei rifiuti. Le NOC generano il 34% di rifiuti in meno rispetto alle IOC e il loro tasso di riciclaggio è superiore del 36%. Tuttavia, generano il 31% in più di rifiuti pericolosi rispetto alle IOC, un problema particolarmente rilevante per il settore del petrolio e del gas.

Prestazioni sociali

Se si considerano gli indicatori sociali, le differenze tra i NOC e i CIO sono meno evidenti e attualmente non è possibile stabilire una tendenza chiara con i dati disponibili, tranne che per alcuni indicatori di parità di genere: Le NOC sono significativamente indietro rispetto ai loro omologhi in questa dimensione.

  • La percentuale mediana di membri del Consiglio di amministrazione di sesso femminile nei CIO è quasi doppia rispetto a quella dei CNO: 38% contro il 20%. Questo dato sembra coerente con il fatto che il 74% dei CIO inclusi nello studio ha una politica di diversità nei Consigli di Amministrazione, mentre solo il 25% dei CNO.

Nota: percentuale mediana di membri femminili del Consiglio di amministrazione ponderata per le entrate, sottoposta a trattamento per attenuare l'impatto dei valori anomali. Dati mostrati per 15 NOC e 27 IOC, considerando le organizzazioni coinvolte in attività a monte e/o a valle. Analisi effettuata sui dati riportati dal 2019 al 2022. Fonte: Clarity AI

  • In termini di percentuale di dipendenti donne, la mediana per le NOC è del 21% contro il 27% delle IOC, con alcune NOC che fanno eccezione e mostrano una maggiore rappresentanza femminile, in particolare Equinor dalla Norvegia, Gazprom dalla Russia e PTT PCL dalla Thailandia.

Prestazioni di governance

La nostra analisi è in linea con le conclusioni tratte dalla ricerca condotta dagli accademici della Columbia University e citata nell'introduzione di questo articolo. e citata nell'introduzione di questo articolo, che evidenzia le sfide comuni affrontate dalle NOC nella governance aziendale. Queste società presentano una limitata indipendenza del Consiglio di amministrazione, minori incentivi retributivi legati a criteri ESG e politiche commerciali etiche. Sono inoltre coinvolte in controversie legate a corruzione e pratiche anticoncorrenziali.

Nota: percentuale mediana di membri indipendenti ponderata per le entrate, sottoposta a trattamento per attenuare l'impatto degli outlier. Dati mostrati per 15 NOC e 27 IOC, considerando le organizzazioni coinvolte in attività a monte e/o a valle. Analisi effettuata sui dati riportati dal 2019 al 2022. Fonte: Clarity AI

Questa ricerca, basata sulle metriche alla base dei punteggi ESG, evidenzia la necessità per gli investitori di andare oltre le opinioni aggregate per comprendere i rischi sottostanti. Scavando più a fondo in ogni dimensione ambientale, sociale e di governance, siamo in grado di identificare la significativa sottoperformance delle NOC nelle questioni ambientali rilevanti per il settore del petrolio e del gas. Queste vanno oltre le questioni di governance segnalate dalla ricerca condotta dalla Columbia University. Per quanto riguarda la dimensione sociale, i dati attualmente disponibili non ci permettono di trarre conclusioni chiare, ad eccezione degli indicatori di diversità di genere, in cui le NOC tendono a rimanere indietro. Evidenziando le disparità nelle performance delle NOC e delle IOC e i fattori che le determinano, sottolineiamo che c'è spazio per gli investitori per impegnarsi ulteriormente con queste società, attirando l'attenzione sulle aree chiave di sottoperformance e contribuendo a mitigare i rischi sottostanti. 

Ottenete una migliore comprensione delle società del vostro portafoglio con le nostre soluzioni ESG, che offrono una granularità e una trasparenza complete dei dati, attraverso +100 indicatori e fino a 60.000 società.


¹Le valutazioni di rilevanza si basano sugli standard SASB.

²Secondo la classificazione dei paesi del FMI


Metodologia

L'analisi condotta si è basata su un campione di 15 NOC e 27 IOC, considerando le organizzazioni coinvolte in attività a monte e/o a valle:

  • NOC: Bharat Petroleum Corporation, Ecopetrol, Gazprom, Hindustan Petroleum, Indian Oil Corporation, KazMunayGaz, Neste Oyj, Equinor, Oil and Natural Gas Corporation, PTT PCL, PetroChina, Petrobras, Pemex, Saudi Aramco e YPF. Tutte, tranne due, hanno sede nei mercati emergenti.
  • Il gruppo di CIO analizzato comprende giganti del petrolio e del gas come BP, Chevron, ConocoPhillips, Eni, ExxonMobil, Repsol, Shell, Total Energies e altri. La maggior parte di esse ha sede in economie avanzate. 

Sono state condotte analisi statistiche e valutazioni comparative per valutare le prestazioni relative di NOC e IOC nelle tre dimensioni ESG. Sono stati analizzati 85 indicatori quantitativi, qualitativi e di controversia. L'analisi ha riguardato i dati più aggiornati relativi al periodo 2019-2023 per ciascuna azienda. Per offrire una rappresentazione più precisa delle prestazioni ESG all'interno di ciascun gruppo, i dati sono stati ponderati in base al fatturato a livello di indicatore.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per saperne di più