Quantificare l'impatto sociale delle aziende utilizzando gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite

Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite 1 novembre 2021

Clarity AImetodologia di rating ESG: Identificare un approccio coerente alla misurazione dell'impatto ESG

Il secondo di una serie di documenti di ricerca di Qontigo e Clarity AI si concentra principalmente sulla sfida della misurazione dell'impatto come mezzo chiave per colmare il divario tra la teoria e la pratica dell'investimento d'impatto. Inoltre:

  • Identifica il quadro degli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite, che comprende 17 obiettivi e 169 target, come un modo per strutturare le valutazioni d'impatto delle aziende.
  • Introduce e descrive l'approccio sviluppato da Clarity AI, che utilizza gli SDG per produrre stime dell'impatto delle aziende per ciascun obiettivo SDG e una misura aggregata dell'impatto complessivo.
  • Riassume i risultati aggregati ottenuti adottando questo approccio agli SDG per identificare gli SDG con il maggiore impatto, l'impatto per settore e gli SDG nel loro complesso.
  • Discute le relazioni empiriche tra la misura dell'impatto degli SDG e altre metriche come la performance ESG e altre caratteristiche aziendali.

La sfida di misurare l'impatto di un'azienda

Il Global Impact Investment Network (GIIN) definisce gli investimenti d'impatto come "investimenti effettuati con l'intenzione di generare un impatto sociale e ambientale positivo e misurabile insieme a un ritorno finanziario "1.

Sebbene questa definizione fornisca un punto di partenza teorico per la valutazione delle aziende, la misurazione dell'impatto che esse generano è una sfida fondamentale per gli investimenti a impatto. Non esiste un metodo ampiamente accettato per misurare l'impatto, tanto meno uno facile da digerire. Questo vale in particolare per gli investitori in società quotate in borsa, dove l'impatto è solo una delle tante considerazioni nel processo decisionale di investimento. La raccolta sistematica di dati rilevanti per l'impatto delle società target e la valutazione del loro impatto sociale sono una sfida quando gli analisti di portafoglio devono prendere in considerazione centinaia di società di diversi settori e l'impatto è una delle diverse dimensioni dell'analisi. In assenza di un unico standard, gli investitori possono essere sopraffatti dalla complessità e dalle risorse necessarie per la raccolta e la convalida dei dati. Alcuni approcci esistenti si basano su metodologie di misurazione dettagliate e personalizzate, implementate da aziende specializzate e che spesso riflettono i principi o le aree di interesse delle società di investimento (ad esempio, povertà, salute, copertura geografica). Al contrario, molti standard di rendicontazione dell'impatto che sono emersi costituiscono un lungo elenco di metriche relative a ogni tipo di impatto immaginabile, senza fornire alcuna indicazione della loro importanza relativa per i diversi tipi di società. Per esempio, la Global Reporting Initiative (GRI) comprende circa 200 diverse informazioni su ogni aspetto, dalle politiche di congedo parentale alla quantità di acqua consumata.

Lo stato attuale della misurazione dell'impatto è prevedibile in un settore in via di sviluppo che sta sperimentando diversi approcci all'impatto e per il quale i contributi alle cause sociali o al bene pubblico possono assumere molte forme diverse, dal miglioramento delle condizioni di lavoro dei dipendenti alla riduzione delle emissioni di carbonio o al raggiungimento di consumatori svantaggiati. Man mano che l'argomento matura, l'"impatto" diventerà parte integrante dell'approccio e del linguaggio adottato anche da quegli investitori che non ne fanno un obiettivo principale. Sono necessarie misure semplici e coerenti che possano essere utilizzate dagli investitori accanto alle tradizionali dimensioni di valutazione come il rischio e il rendimento. Ciò consentirebbe agli investitori di prendere decisioni nella pratica, utilizzando una misura comune per confrontare l'impatto generato da aziende di diversi settori (ad esempio, aziende energetiche e aziende di beni di consumo), l'impatto relativo che ci si può aspettare da un investimento per diversi livelli di rendimento. Infine, i possibili compromessi tra queste dimensioni verrebbero resi trasparenti in modo pratico. Si tratta di una parte fondamentale dello strumentario necessario per realizzare la visione di incorporare l'impatto sociale come terza dimensione accanto al rischio/rendimento in una "nuova frontiera efficiente" - una visione che Qontigo ha abbracciato (vedi Figura 1).

FIGURA 1
La visione di Qontigo è quella di poter incorporare l'impatto sociale come terza dimensione del rischio/rendimento per definire le nuove frontiere di efficienza degli investitori.

Figura 1
Fonte: Qontigo

Gli investitori che desiderano valutare le società quotate in borsa avranno bisogno di misure che permettano di fare confronti significativi tra i vari settori e che siano semplici e prontamente disponibili. Attualmente l'impatto ha molti dialetti ma non una lingua franca. Al momento, le società e gli investitori fanno del loro meglio per fornire informazioni su un lungo elenco di parametri che solo pochi investitori e stakeholder attenti all'impatto possono modellare e comprendere. Al contrario, gli investitori e gli stakeholder ordinari che desiderano utilizzare in modo efficiente tali metriche di rendicontazione o che necessitano di un approccio olistico che sintetizzi in modo semplice le molte dimensioni del problema, possono faticare a dare un senso ai numerosi approcci diversi e talvolta contrastanti.

Un modo per affrontare queste sfide è utilizzare gli SDGs come quadro di riferimento per comprendere e misurare l'impatto.2 Gli SDGs sono il nucleo operativo dell'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, "una chiamata universale all'azione per porre fine alla povertà, proteggere il pianeta e migliorare le vite e le prospettive di tutti, ovunque".3 Si tratta di un documento basato sul consenso, adottato da tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite nel 2015 dopo un lungo dibattito, e come tale può servire a misurare l'impatto che le aziende possono avere. Le aziende hanno iniziato ad adottarlo come strumento di rendicontazione della sostenibilità: oltre il 72% delle 721 aziende studiate da una società di consulenza include nei propri rapporti annuali informazioni sugli SDGs in relazione alla propria azienda.4

Partendo dall'approccio agli SDG per misurare l'impatto, questo documento esamina tre aspetti:

  • In primo luogo, spieghiamo come il quadro degli SDG possa essere trasformato in una metodologia per la stima dell'impatto delle imprese che affronta alcune delle sfide poste da approcci alternativi. Ciò si ottiene contabilizzando l'impatto dei prodotti e dei servizi delle aziende (nonché delle loro operazioni interne) per ogni obiettivo e attribuendo a queste forme di impatto un valore che consenta la comparabilità in termini monetari. Questo approccio si basa su oltre un decennio di riflessioni su come incorporare l'impatto negli approcci degli investitori e si ispira ai recenti progressi nella concettualizzazione e misurazione dell'impatto da parte dei ricercatori della Harvard Business School.5 L'utilizzo del quadro degli SDG e delle misure da esso derivate consente agli investitori di perseguire le dimensioni fondamentali di qualsiasi quadro di investimento d'impatto che abbiamo identificato nel primo documento di questa serie: intenzionalità, addizionalità e inclusività.
  • In secondo luogo, questo approccio metodologico ci consente di comprendere l'entità dell'impatto creato. Per la prima volta, possiamo fornire una stima del valore sociale totale creato dalle aziende e metterlo in prospettiva, confrontandolo ad esempio con gli attuali sforzi di aiuto all'estero o con il valore totale che sarebbe generato dal raggiungimento degli obiettivi degli SDG. Siamo anche in grado di confrontare il valore relativo per la società delle diverse dimensioni di impatto (salute, riduzione della povertà, miglioramenti ambientali...) che le aziende generano. A titolo di esempio, il confronto tra le diverse fonti di impatto rivela che i contributi delle società quotate in borsa sono attualmente più elevati per l'SDG "Buona salute e benessere". Inoltre, si può notare l'esistenza di "cicli virtuosi" di impatto, in cui le aziende hanno un impatto positivo su diverse dimensioni.
  • In terzo luogo, dopo aver stabilito come misurare l'impatto, esploriamo le possibili cause dell'impatto a livello aziendale. Sebbene sia difficile stabilire la causalità, descriviamo alcune caratteristiche aziendali che sono correlate all'impatto nei nostri dati. Scopriamo che, per settore, le aziende del settore sanitario e dei beni di consumo sono quelle con l'impatto maggiore. Inoltre, le società con sede nei mercati emergenti tendono ad avere un impatto maggiore rispetto alle altre. Inoltre, è interessante notare che gran parte della variazione dei punteggi non può essere spiegata da queste caratteristiche osservabili, il che evidenzia la necessità di analizzare le singole aziende. Concludiamo con la constatazione che, sebbene le due misure siano diverse, le aziende che ottengono punteggi elevati in base ai criteri ESG tendono anche ad avere un impatto maggiore. In altre parole, le aziende che ottengono buoni risultati sugli SDG tendono a fare meglio anche su altre dimensioni che possono interessare gli investitori.

Scarica il rapporto completo

_______________
1. GIIN 2020. Che cos'è l'impact investing?
2. Si veda il primo documento di questa serie per una serie di approcci alternativi alla misurazione dell'impatto.
3. L'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.
4. PwC, SDG Reporting Challenge, 2018.
5. Altri approcci alternativi alla quantificazione dell'impatto sono, ad esempio, la Capitals Coalition e l'Impact Management Project.
Management Project.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per saperne di più e ricevere approfondimenti continui da Clarity AI.